PALERMO E SICILIANISTICA. XXI CONCORSO DI POESIA “GIOVANNI MELI”

WhatsApp Image 2017-05-15 at 17.55.23

PALERMO – Ieri, 14  Maggio 2017, l’ Accademia “Ruggero II di Sicilia” ha celebrato il XXI Concorso Nazionale di Poesia “Giovanni Meli”, ospitato dal Salone della Fondazione “Giuseppe e Marzio Tricoli”. Non a caso, è stata scelta questa Domenica per svolgere la cerimonia: oggi, infatti, sono stati la Mamma e la Poesia gli argomenti celebrativi della manifestazione, in quanto anche la poesia può essere considerata “mamma” dell’umanità, consolatrice e protettrice dell’animo umano quando è in cerca dei valori smarriti. Dunque, la poesia è un valore, come afferma il Professor Salvatore DI MARCO, Presidente della Giuria, nel suo discorso d’apertura: <<Oggi come oggi, nessuno più legge libri di poesia. La poesia è un valore. Non è del poeta, ma è un bene comune>>. Come ci ricorda, del resto, anche Massimo Troisi ne “Il Postino”, anche il lettore è poeta se in grado di recepire i valori che la poesia trasmette. Aggiunge il Prof. Di Marco: <<La poesia è umiltà. Il poeta è un sacerdote e, se non è umile, non è neanche un sagrestano. Il poeta è come S. Francesco: indossa un semplice saio, senza vantarsi delle sue opere>>. Come dare torto alle sante parole del Di Marco? La poesia è nutrimento dell’anima, messaggera di valori e sentimenti ormai quasi del tutto abbandonati dall’odierna società.

Ha aperto i lavori della manifestazione il Presidente dell’Accademia, Principe Ing. Giuseppe Livreri, con calorose parole d’accoglienza verso i poeti e verso il pubblico, non tralasciando, certamente, i dovuti ringraziamenti alla Giuria

WhatsApp Image 2017-05-15 at 17.48.51
I membri della Commissione Giudicatrice

e agli sponsor del concorso letterario, che hanno offerto i premi destinati alla manifestazione. A presiedere il tavolo della Commissione Giudicatrice sono stati anche la relatrice Professoressa Enrica EGIDI e gli altri giurati Notaio Dottor Salvatore ABBRUSCATO e il Dottor Alfredo SANFILPPO. Insieme, hanno accuratamente collaborato nel valutare tutti gli elaborati che gli stimati poeti partecipanti hanno presentato in lingua prettamente Siciliana, patrimonio fondamentale della nostra cultura e delle nostre origini. Inoltre, i Giurati si sono preoccupati di rendere il giusto merito a tutti i poeti partecipanti all’evento, assicurandosi di non trascurare nessuno. Difatti, oltre al 1° Premio Assoluto, sono stati consegnati premi ex-aequo, segnalazioni d’Onore e altri premi Speciali. Vincitore del Primo Premio Assoluto di questa edizione del suddetto concorso letterario è stato proclamato l’ottantaduenne poeta e scrittore, Accademico d’Onore, Gaetano Zummo di Poggioreale del Belice (TP), con la sua poesia in vernacolo siciliano dal titolo “Natali pi’ strata“:

NATALI PI’ STRATA

Li vrazza cunserti, stritti a lu pettu,
assittàtu’ncapu lu murettu
a latu la “Chiesa di lu Cristu natu”,
‘ncoddu un paltò lordu e strazzatu,
senti lu ciàuru di lu ‘ncenzu abbruciatu
chi duna gloria a lu Bammineddu natu.

L’occhi tristi, la facci afflitta ni stu jornu di festa
e lu ventu friddu e jilatu chi ti trapana la testa.
Li sguardi di li passanti chi vannu lesti
e tu fermu, assittatu ‘ncapu lu muru, resti,
aspittannu silinziusu e trimanti
la nisciuta di la chiesa di li signuri eleganti.

Nill’aria sunati d’organu e missa cantata
e mezzu la strata affuddata,
ciuciulìu e qualchi allegra risata.

Tu, forsi, pensi a lu tempu
di quann’eri nicareddu,
a lu presepiu ‘n casa, sapurìtu e beddu
e all’arvulu di natali cu’ li pallini culurati
‘nta ‘na stanza filici, china di risati.

Pensi a li so’ luciddi ‘ntermittenti
e a dda manu chi amurusamenti
t’accarizzava la testa,
cuntenta di vulìriti beni e fàriti festa
e a li riàli: un treninu di lanna, virniciatu
e un pinucchieddu di lignu culuratu.

Tempi filici di la to mimoria,
sippilluti ‘nta lu cori, senza storia,
e persi, amaramenti, strata facennu,
supra ddi tanti marciapedi d’infernu,
sfracillàti contru un muru di duri balàti,
all’arba d’un jornu, e tutti scancillati.

Sta’ a minnicàri taliàti ‘nniffirenti,
sulu e dirilittu com’un cani abbannunatu,
senza patruni e senza nenti;
aspetti chi sona l’ultimu rintoccu
di lu campanùni di la chiesa vicinu,
chi annunzia la nascita di lu Bamminu.

Ni stu jornu santu ch’è di gioia e d’amuri
tu, ‘nveci, ti senti d’avìri un filu spinatu
‘ncudduriatu stritto attornu lu cori!

Cu po’ capìri la to pena, lu to duluri,
la nustalgia di li to’ sonni di criaturi
vicinu a dda grutticedda di lu Signuri;
lu jielu chi t’ammazza cu’ lu so rigùri,
e la vita rannaggia e strazzata
chi à’ strascinatu sutta li ponti e pi’ la strata?

La Notti Santa, lu tempu si ferma comu p’incantu:
e li to’ occhi stanchi, unchi e lustri di chiantu,
dunanu l’urtimu addiu a li passanti ‘n festa,
poi, distruttu, t’incantunìi ni la prima agnuni e t’abbannuni
e lu ‘ndumani sì pruvuli di stiddi, senza nomu, né storia
e di tia, lu jornu doppu, nuddu àvi cchiù mimoria!

Ora riposi sutta terra, senza balàta, né ‘scrizzioni,
dunni spuntanu, pi’ dàriti ‘na stizzidda di gloria,
du’ ciuriddi umili, ma ginirusi e boni
chi ti fannu cumpagnia ni la to nova abbitazzioni!

Ammàtula, l’omu ipocrita,
nun cridennusi piccatùri,
a Natali, s’avanta e si gloria
di cilibrari la carità e l’amuri,
‘na stu munnu “caìnu”, chinu di boria,
senza ideali e senza valuri,
dunni nun c’è pietà pi’ cu soffri,
né pena pi’ cu mori!

Mai si cunverti! Avi curta la memoria;
iddu è sempri lu stessu omu ‘ngratu
chi, avennu ricivutu beni e amuri,
ammazzàu Gesù, lu so maestru bonu,
lu so amurusu benefatturi!

(Gaetano Zummo)

TRADUZIONE ITALIANA:

NATALE PER STRADA

le braccia conserte e strette al petto,
seduto sopra il muretto
vicino la “Chiesa del Cristo Nato”,
addosso un paltò lurido e stracciato,
tu senti l’odore dell’incenso bruciato,
che rende gloria alla nascita di Gesù Bambino.

Gli occhi tristi, la faccia afflitta in questo dì di festa
e quel vento gelido e pungente che ti trapana la testa.
Le occhiate dei passanti che vanno di fretta
e tu fermo, seduto su quel muro, resti,
aspettando, silenzioso e tremante, l’uscita dei signori in abiti eleganti.

Nell’aria suoni d’organo e messa cantata
e, in mezzo alla strada affollata,
parlottio e qualche allegra risata.
Tu, forse, pensi al tempo
di quando eri piccolini,
al presepe in casa, grazioso e bello
e all’albero di Natale on le palline colorate,
in una stanza felice, piena di risate.

Pensi alle sue lucette intermittenti
e a quella mano che amorosamente
ti accarezzava la testa,
contenta di volerti bene e farti festa
e ai regali: un trenino di latta, verniciato
e un Pinocchietto di legno colorato.

Tempi felici della memoria
sepolti nel cuore, senza storia,
e persi, amaramente, strada facendo,
sopra quei tanti marciapiedi d’inferno,
sfracellati contro un muro di dure pietre,
all’alba di un giorno e, quindi, cancellati.

Stai qua a mendicare sguardi indifferenti,
solo e derelitto come un cane abbandonato,
senza padrone e senza niente;
aspetti che suoni l’ultimo rintocco
del campanone della chiesa vicina,
che annuncia la nascita di Gesù Bambino.

In questo giorno santo ch’è di gioia e d’amore
tu, invece, ti senti di avere un filo spinato
attorcigliato stretto intorno al cuore!

Chi può capire la tua pena, il tuo dolore,
la nostalgia dei tuoi sogni di bambino,
vicino a quella grotta santa del Signore,
il gelo che ti ammazza col suo rigore,
e la vita randagia e lacerata
che trascini sotto i ponti e per la strada?

La notte di Natale il tempo si ferma come per incanto,
e i tuoi occhi stanchi, gonfi e lucidi di pianto,
danno l’ultimo addio ai passanti in festa,
poi, distrutto, ti rannicchi nel primo angolo e ti abbandoni
e l’indomani sarai polvere di stelle, senza nome, né storia,
e di te, il giorno dopo, nessuno avrà più memoria!

Ora riposi sotto terra, senza lapide, né iscrizione,
dove spuntano per darti un tantino di gloria
due fiorellini umili, ma Generosi e buoni
che ti faranno compagnia in questa nuova dimora.

Invano, l’uomo ipocrita,
non reputandosi peccatore,
a Natale, si vanta e si gloria
di celebrare la carità e l’amore,
in questo mondo “caìno”, pieno di boria,
senza ideali, né valori,
dove non c’è pietà per chi soffre,
né pena per chi muore!

Mai si converte! Ha la memoria corta;
egli è sempre lo stesso uomo ingrato
che, avendo ricevuto bene e amore,
uccise Gesù, il suo maestro buono,
il suo amoroso benefattore!

(trad. Gaetano Zummo)

Per concludere, è opportuno e doveroso riportare alcune considerazioni del critico letterario Professoressa EGIDI, che ha recensito la lirica in oggetto. Apre così, la EGIDI, la sua recensione: <<Versi che mettono in evidenza una crisi metafisica ed esistenziale; ansia, solitudine che mette a dura prova il mondo poetico dell’autore di questi versi che urlano alla sua sensibilità l’ingiustizia della vita…>>. Il critico letterario conclude la sua relazione con una riflessione che, realisticamente, rispecchia lo stato d’animo dell’autore: <<…E oggi quest’uomo protagonista della lirica, abbandonato, solo, vive il dramma affannoso della sua vita, nella speranza di una mano tra i passanti che guardano il cielo, che gli offra pace, rifugio, calore umano, creatura nuda, in un mondo indifferente e “Caìno”, deserto di vita.>>

WhatsApp Image 2017-05-15 at 17.48.45
Il premiato Gaetano Zummo e la Relatrice Enrica Egidi

Federica Zummo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...